Berlusconi: «Pdl in piazza contro aggressioni»

GIUSTIZIA - ALFANO: «DDL PROCESSO BREVE RICALENDARIZZATO ALLA CAMERA».
Incarico a Daniela Santanchè e Michela Vittoria Brambilla di predisporre un piano di iniziative Daniela Santanchè a «Porta a porta» (LaPresse) MILANO - Un «piano di iniziative e mobilitazioni a sostegno dell'attività di governo e a difesa del premier dalle aggressioni mediatico-giudiziarie».
È questo, informa una nota, il mandato del quale Silvio Berlusconi «nell'ambito delle iniziative e delle manifestazioni politiche e movimentiste da svolgersi su tutto il territorio nazionale» ha «incaricato Daniela Santanchè e Michela Vittoria Brambilla».
IL COMPITO - Alle due esponenti Pdl, l'incarico «di predisporre un piano di iniziative e mobilitazioni a sostegno dell'attività di governo e a difesa del premier dalle aggressioni mediatico-giudiziarie.
Questo avverrà coinvolgendo tutte le componenti della società civile e tutte le strutture del Pdl, centrali e periferiche».
ALFANO - Intanto l'iter legislativo del «processo breve» è stato rimesso in marcia con una «ricalendarizzazione» alla Camera.
Lo ha confermato il ministro della Giustizia, Angelino Alfano.
«Il tema - ha detto Alfano rispondendo ai cronisti durante una conferenza stampa tenuta al Parlamento europeo a Bruxelles - non è mai stato cancellato dall'agenda politica della nostra coalizione ed anche pronunciamenti recenti della Corte di Strasburgo richiamano l'Italia ad una accelerazione dei processi».
«Ribadisco quanto ho sempre detto - ha aggiunto il ministro - e cioè che a determinare un veemente dibattito nella politica italiana non è il tema, che viene sviluppato per l'intero arco del disegno di legge, di un processo che abbia una sua conclusione certa in tempi ragionevoli, quanto l'impatto di un'eventuale norma transitoria.
Ovvero la sua applicazione ai processi in corso».
Sullo sviluppo complessivo del disegno di legge, Alfano ha affermato che «non ci sono enormi contrasti, tant'è che numerosi ddl della sinistra italiana andavano in quella direzione, magari con dettagli diversi ma con la stessa sostanza».
Sul «senso e la pregnanza della norma transitoria», che potrebbe di fatto bloccare ad esempio il processo Mills contro Silvio Berlusconi, «la decisione che è stata assunta a livello di Commissione - ha detto Alfano - è quella di ricalendarizzare e quella sarà la sede nella quale si entrerà nel merito e si parlerà di questo argomento».
Poi aggiunge che la «grande riforma della giustizia» sarà realizzata «entro questa legislatura».
Angelino Alfano, a [...]

Leggi tutto l'articolo