Berlusconi e la giustizia fai da te: come prima, più di prima

Quest'oggi vogliamo citare ai nostri lettori un brano dell'editoriale di Lucia Annunziata, "Opposizione, chi vince e chi perde", scritto per il quotidiano La Stampa di oggi, che trovate interamente collegandovi a questo link.    "Il Berlusconi di oggi, che appena ritorna sullo scranno di premier riapre il suo contenzioso con i giudici (e le loro ombre, ai suoi occhi, cioè i giornalisti), introduce un ennesimo sviluppo di questa saga: lo scontro tra il premier e i giudici non è nemmeno più quello di un uomo contro un sistema, bensì un limitatissimo e focalizzato intervento su un paio di temi e un paio di processi.
I nuovi interventi che Berlusconi chiede non hanno più nulla di epico, nulla che riecheggi una condizione storica: non sono conditi più né dalla retorica dei diritti individuali, né dall’interesse generale, e nemmeno da un forbito discorso sulla giustizia nelle democrazie.
Non si evoca neppure la riforma della giustizia: lo scudo per il premier e le misure anti-intercettazioni appaiono, e sono, solo una piccola pulizia di un paio di angoli della casa che non erano ancora messi a posto."

Leggi tutto l'articolo