Bertinotti affonda Prodi

In un’intervista a La Repubblica il presidente della Camera Bertinotti affronta i temi più caldi dell’attualità politica e analizza le difficoltà che incontra il centrosinistra al governo.
Bertinotti non fa previsioni, ma afferma: "prendiamo atto di una realtà: in questi ultimi due mesi tutto è cambiato”.
Con la nascita del Pd la Cosa Rossa viaggia verso lidi inesplorati.
Nel frattempo, Prodi ha accontentato i moderati sia sulla Finanziaria, sia sul Welfare.
Per il capo di Rifondazione ce n’è abbastanza per dire che “una stagione si è chiusa”.
Ora niente sarà più come prima: “Un governo nuovo, riformatore, capace di rappresentare una drastica alternativa a Berlusconi, e di stabilire un rapporto profondo con la società e con i movimenti, a partire dai grandi temi della disuguaglianza, del lavoro, dei diritti delle persone: ecco, questo progetto non si è realizzato.
Già questo ha creato un forte disagio a sinistra.
Poi si sono verificati fatti che lo hanno acuito.
Ne potrei citare centomila...”.
Risultato: “Abbiamo un governo che sopravvive, fa anche cose difendibili, ma che lentamente ha alimentato le tensioni e accresciuto le distanze dal popolo e dalle forze della sinistra”.
Questa, per Bertinotti, è “la condizione reale".
da Il Quaderno del 04/12/07 mr

Leggi tutto l'articolo