Bertolaso dovrebbe dimettersi

  BERTOLASO DOVREBBE DIMETTERSI Bertolaso è lo specchio fedele del modo di fare politica di papi.
Papi non si rassegna a governare dovendo tener conto dell'equilibrio dei poteri.
Il Parlamento, la Magistratura, la Corte Costituzionale, la Presidenza della Repubblica, gli organi di informazione non asserviti al suo controllo sono fastidiosi ostacoli da eliminare perché limitano il suo delirio di onnipotenza.
Bertolaso è la dimostrazione che governare senza controlli democratici si può, si deve fare! Tutti i cosiddetti "garantisti" dicono che Bertolaso dovrebbe dimettersi.
Lui è solo indagato, ma grava su di lui il sospetto di aver commesso dei reati e di avere, come dice lui stesso, "tradito gli italiani".
In un Paese civile, si sa, un imputato è da considerarsi “non colpevole” fino a sentenza passata in giudicato.
Ma Bertolaso dovrebbe dimettersi - anche se papi non è d'accordo e gli ha rinnovato la sua fiducia - per correttezza politica, morale ed istituzionale.
Chi dirige un settore così delicato ed importante come la Protezione Civile, che interviene sul pericolo di vita dei cittadini e sui più gravi rischi per il nostro territorio, non può essere neppure sfiorato dal sospetto di aver approfittato di eventi drammatici e della disperazione di tante persone, per bramosia di potere e di denaro.
Un “servitore dello Stato” deve sapere che in certi casi ci si comporta così: rassegnando le proprie dimissioni.
Non si può, nemmeno, chiudere le orecchie di fronte alle gravi affermazioni - ai ragli - di papi che, difendendo Bertolaso, ha detto che ""“i pm si debbono vergognare"".
Non si rende conto, poveretto, che se qualcuno dovrebbe vergognarsi, questo 'qualcuno' è proprio lui? Nessuno tra i connazionali si chiede: “Che ci azzecca la Protezione Civile con il G8, con i mondiali di nuoto, con le celebrazioni dell’unità d’Italia? Perché le è stato dato un ruolo così importante? Cosa si nasconde sotto?“.
La risposta è, forse, nel tentativo di sottrarre l'esecuzione di tutte queste grandi opere ai controlli sulla legalità.
Eh sì, dev'essere proprio così, perché il tentativo, fallito, di trasformare la Protezione Civile privatizzandola in S.p.A.
significa continuare a sottrarla ai controlli e farne 'un'area di caccia' riservata per gli amici, per gli amici degli amici, per i cognati, per le mogli, per i figli, per le fidanzate dei figli! E' talmente scoperto ed immorale questo giochetto che persino alcune aree di questa maggioranza di estrema destra si sono dimostrate perplesse di fronte a [...]

Leggi tutto l'articolo