Bevilacqua... che ti depuri!

Ennesima prova di forza del Galeazza, che però non mette in carniere tre punti importantissimi.
Partono concentrati gli arancioni e dopo una decina di minuti Lodi imbecca Vancini davanti al portiere con un sontuoso lancio, ma il Luis Figo dei poveri sbaglia malamente.
Nonostante le assenze la Bevilacquese non rinuncia a giocare e si affaccia minacciosamente davanti alla porta del debuttante Picozza, che nella "sua" Bevilacqua non sfigura di certo.
Da una punizione dubbia scaturisce il vantaggio dei locali: Ravasini mette in area un pallone apparentemente innocuo, come un falco Gilioli sorprende tutti avventandosi sul pallone e insacca.
Passano pochi minuti e Manservisi, imbeccato da Kamal, riporta in equilibrio il risultato con un tiro "micidiale" che si insacca alla destra del portiere.
Si va così al riposo con il risultato di 1 a 1.
Dopo pochi minuti dal fischio della ripresa il Galeazza si porta in vantaggio: Lodi trova Manservisi davanti al portiere con un lancio millimetrico e nel tentativo di anticiparlo, Ravasini beffa il proprio estremo difensore con un pallonetto.
La gara è vibrante e sempre accesa; a metà ripresa Manservisi può chiudere la partita ma, su assist di Tasso, sbaglia una facile occasione a tu per tu con il portiere.
A pochi minuti dal termine, su un'altra punizione forse generosamente concessa dall'arbitro, Gilioli agguanta il pareggio con un tiro magistrale che aggira la bariera e si insacca alle spalle dell'incolpevole Picozza.
Un'altra partita che lascia dunque un po' di amaro in bocca, anche perché l'undici di Bonazzi è probabilmente la squadra più in forma del momento.
Pazienza.
Domenica c'è da "vendicarsi" del Rainbow per dare una svolta al nostro cammino e dimostrare a tutti, oltre che a noi stessi, che possiamo essere grandi protagonisti di questo campionato così equilibrato.

Leggi tutto l'articolo