Biancaneve e il Cacciatore

 
 
 
 
Scartare la mattina prima dell'alba, in
modo che la giornata inizi senza sfumature intermedie:
con lo stesso cielo sempre coperto
e lo stesso pidocchioso pane pigro.
 
 

 
Solo e orribile,
perso in un mondo in
cui Dio ha scelto di essere un ponte.
Le tue spine sono state abbracciate da così tante ginocchia.
 
 
 
 

 
Pazienti incurabili dello stesso sanatorio,
mormorando soffocati gemiti prolungati,
ti concedi anche un rinnovamento
quando le finestre del corpo squittiscono a lungo.
 
 

 
 
Dalle guance secche stai perdendo i ricordi di un'altra volta,
ammiccando le palpebre, aspettando il grido della notte,
quando i sogni sistemeranno tutto.
 
 
 

 
Anime silenziose e tristi,
perché vivi solo per dimenticare le sconfitte?
Stand up! Il Creatore ti ha dato la verticalità!
Raccogli lo scintillio della battaglia negli occhi nascosti sotto il buio di un onda!
Cerca nel cuore il desiderio di vivere!
Quella vita non è solo frustrazione ...
 

 
 
Io Am...

Leggi tutto l'articolo