Biella, XIX EDIZIONE ARTEalCENTRO Fondazione Pistoletto

Dal 1° luglio 2016 al 31 dicembre 2016, ARTE al CENTRO, di una trasformazione sociale responsabile, giunta quest’anno alla sua diciannovesima edizione, è una rassegna di mostre, incontri e seminari che raccontano pratiche artistiche di trasformazione dei contesti sociali in cui si sviluppano, realizzate da Cittadellarte e dalla rete di soggetti internazionali che negli anni ha consolidato.
Arte al Centro costituisce la trama che i visitatori di Cittadellarte incontrano per un anno intero.
Essa si presta ad essere fruita in prima persona in forme e modi a intensità variabile che portano i visitatori alla possibilità di praticare un coinvolgimento of- ferto da Cittadellarte come comunità aperta in continuo processo di ricerca e sperimentazione pratica.
Queste possibilità vanno dalla visita guidata di breve durata finalizzata a un primo contatto con Cittadellarte, i suoi luoghi e le sue attività, a soggiorni brevi mirati a conoscere e sperimentare direttamente nella pratica i programmi delle Terme Culturali, alla parte- cipazione a UNIDEE-Università delle Idee, una scuola articolata per moduli residenziali settimanali che possono comporre un percorso di studi pluriennale in Scienze di Arte e Società.
E ancora le modalità di fruire Cittadellarte e la rassegna Arte al Centro arrivano fino a includere la possibilità di portare la propria attività lavorativa nel cuore della Fondazione Pistoletto attraverso forme di coworking e, per chi vuole mantenere una connessione forte anche a distanza, operare nel proprio territorio come Ambasciatore di Cittadellarte e del Terzo Paradiso.
Il primo blocco di attività e progetti è quello che si concentra sul tema dell’Educazione, della Residenza d’artista come percorso formativo e di interazione con il contesto.
La mostra di Leone Contini nasce da un percorso definito Residenza connettiva, ideato da Cittadellarte come dispositivo per far incontrare artisti invitati con progetti strutturali e di lungo termine che Cittadellarte sviluppa con i suoi partner territoriali (in questo caso il progetto Let Eat Bi avviato da Cittadellarte, insieme ad una fitta rete di partner tra associazioni, cooperative, imprese sociali e comunità territoriali, che prova a coniugare coltura, cultura e convivialità).
L’esposizione curata da Silvia Franceschini prosegue una ricerca sulla residenza d’artista come enzima della trasformazione sociale, laboratorio permanente dal 2000 in Cit- tadellarte.
Terzo elemento di questo blocco è la mostra 500per1000 in cui si espongono [...]

Leggi tutto l'articolo