Biotestamento

  LA BATTAGLIA GIURIDICA SUL BIOTESTAMENTO CONTINUA ANCHE PERCHE’ IL CAVALIERE VUOLE BARATTARLO COL PERDONO PAPALE, UN’EMITTENDA AMNISTIA PER TUTTI I SUOI PECCATI ANCHE QUELLI CORPORALI   Tema interessante questo del “biotestamento” anche perché vi sono state alcune vicende che hanno minato alla base la legge ad hoc approvata tempo addietro dal Senato: 1- Fini ha pubblicamente dichiarato che la legge approvata da un solo rampo del Parlamento va cambiata; 2- Il TAR del Lazio, in accoglimento del ricorso del Movimento difesa del cittadino ha bocciato la “direttiva Sacconi” che era stata inoltrata a tutta l’organizzazione medica ed ospedaliera sulla base della quale il diritto all’alimentazione ed idratazione artificiale era inalienabile e quindi non rifiutabile da parte del paziente o dei suoi familiari.
In buona sostanza le suddette procedure, afferma il TAR, non possono imposte, cioè praticate contro la volontà dell’interessato o da chi per esso, nel caso in cui il primo fosse impossibilitato ad esternare la propria volontà.
E’ ovvio che il Sacconi non l’abbia presa bene questa decisione e, intervistato da alcuni giornalisti, ha così commentato: "Se corrisponde al vero quanto contenuto in una nota che fa riferimento a una sentenza del Tar del Lazio sul caso di Eluana Englaro, questo rende di fatto ancora più urgente l'approvazione della 'norma Englaro' relativa all'inalienabile diritto all'alimentazione e all'idratazione per offrire una certezza normativa coerente con l'articolo 2 della Carta costituzionale e con il riconoscimento del valore della vita che è presente nella tradizione largamente condivisa del nostro popolo".
Vedremo come finirà anche perché, nel frattempo, pare che sia stato stipulato un accordo tra Chiesa e Stato secondo il quale …….
Meglio di chiunque altro ce ne parla Simone Collini, giornalista, in occasione di una sua intervista con Anna Finocchiaro.
  “Fine vita”, Berlusconi è un mercante senza scrupoli», Per Berlusconi non ci sono valori, tutto si compra e tutto si vende».
Ecco cosa «svela», per Anna Finocchiaro, quella frase del premier sui rapporti tra governo e Chiesa, quel dire che si «consolideranno nei prossimi mesi anche su questioni molto importanti come il testamento biologico».
«Equivale ad ammettere - nota la capogruppo Pd al Senato - che nella sua testa sono e saranno regolati da una logica di scambio e da un atteggiamento tattico e strumentale».
Ne è stupita? «Gli sproloqui a cui ricorre per coprire il suo evidente declino non mi [...]

Leggi tutto l'articolo