Birdman

Un film tracotante, che sbruffoneggia dall'inizio alla fine.
Gradasso e assai virtuoso, al limite del fastidio.
La vagonata di Oscar viene vissuta come un fardello da parte del povero spettatore che non può evitare di porsi ad intervalli regolari domande e dubbi sul perché di tanta roba (leggasi abbondanza registica) e sulle proporzioni tra quantità mostrata e premialità hollywoodiana.
(E se non avesse preso premi, sarebbe stato più facile da digerire?) Estenuante eppure appassionante nel creare curiosità sul come andrà a finire, riuscendo anche ad insinuare un minimo di identificazione nella sempre eterna lotta tra qualità e profitto spinto, la classica lotta che per poco non finisce per ammazzare l'ottimo protagonista.
Senz'altro una prova sia tecnica che umana meritevole di gran fragore, probabilmente anche un salto di qualità (uno dei tanti) e una tacca (l'ennesima) nella storia del cinema USA.
Però alla fine è sfizioso, niente di più.

Leggi tutto l'articolo