Blatter, Ranocchia, Trapattoni: le Quote del Digestivo Antonetto

Questa rubrica intende dare consigli agli scommettitori e deve il suo nome a...
(ve lo abbiamo spiegato qui).
Fidatevi ciecamente delle nostre dritte: noi abbiamo la villa e ci giriamo i pollici, voi al massimo avete la villetta a schiera due ore lontano dal posto di lavoro.
  Ranocchia resta al Bari - Quota Digestivo Antonetto: 110.10 - Cioé magari ci resta pure, ma è difficile.
Insomma, non serviamo noi per consigliarvi questa giocata impossibile.
Solo che non vedevamo l'ora di mettere l'immagine qui sopra.
Ce ne scusiamo in anticipo con il giocatore, che forse è così forte perché lo prendono per il culo per via del cognome da quando ha due anni.
Si rigioca Francia-Irlanda - Quota Digestivo Antonetto: 1999.25 - Ovvio che no.
Ovvio che l'arbitro svedese non arbitrerà mai più, non perché accantonato per manifesta scarsitudine, ma perché troppo impegnato a sputtanarsi il bottino in donne e champagne.
La blatta Blatter sempre più in sella, un uomo che definirlo "sepolcro imbiancato" è fargli un complimento.
Michel Platini, se sei un uomo dì qualcosa di corretto, non di francese.
Il Trap impara l'inglese - Quota Digestivo Antonetto: 12.70 - Abbiamo ascoltato le sue accorate dichiarazioni dopo il furto di Parigi.
Chiedergli di parlar bene la lingua di Shakespeare sarebbe stato un po' troppo, in quelle circostanze, ma era interessante sentire l'interprete dietro di lui che traduceva in inglese le sue dichiarazioni in inglese.
Ma chissenefrega, grande Trap, tu parli la lingua del calcio, e la parli da Dio.
Balotelli non fa notizia - Quota Digestivo Antonetto: 1635.00 - Chi se ne frega se passa due ore a tirar su di morale bambini sfortunati? Giù con diecimila articoli su quanto è pirla a dire che è milanista.
E il silenzio dell'Inter viene definito "stizzito".
Qui all'Antonetto siamo curiosi di capire come si riesca a interpretare come stizzito un normale silenzio su una questione irrilevante.
Ci dev'essere un silenziologo.
E' una nuova professione, che in tempi di crisi può essere interessante esplorare.
Come dice un nostro amico: ma ammazzatevi.

Leggi tutto l'articolo