Bobbi Kristina, il fidanzato dovrà versare 36 milioni di dollari di risarcimento per la sua morte

Dovrà versare 36 milioni di dollari a titolo di risarcimento e interessi Nick Gordon, fidanzato di Bobbi Kristina Brown, la 22enne figlia di Whitney Houston e del cantante Bobby Brown, morta nel luglio 2015 dopo essere stata ritrovata incosciente nel bagno della sua casa, alla periferia di Atlanta.
Si chiude così la battaglia legale che vedeva il ragazzo come principale indagato.
Un giudice americano ha ordinato a Gordon di versare l'ingente somma nel quadro delle indagini sulla morte della ragazza.
Figlia unica della leggenda del pop Whitney Houston, ritrovata anche lei senza vita nel bagno di una camera d'albergo a Beverly Hills nel 2012 e di Bobby Brown, Bobbi Kristina Brown, 22 anni, era stata ricoverata sei mesi in ospedale prima di morire per i gravi danni cerebrali riportati.
Il fidanzato di Bobbi Kristina Brown, Nick Gordon, era con lei assieme a un ospite quando la ragazza è stata ritrovata incosciente.
Secondo la denuncia presentata dagli eredi, Nick Gordon l'aveva aggredita verbalmente tutta la serata, sotto l'effetto di alcol e droga.
Il ragazzo avrebbe dato a "Bobbi Kristina un cocktail che l'ha resa incosciente e poi le ha messo la testa sotto l'acqua gelida, causandole un danno celebrale".
Al momento della sentenza Nick Gordon non era in tribunale.
L'ufficio di medicina legale aveva dichiarato che non era possibile stabilire se la morte di Brown fosse di origine accidentale o intenzionale.

Leggi tutto l'articolo