Bolgheri (LI): Sassicaia e Nero d'Avola a confronto

Nicolò Incisa della Rocchetta parlerà di vini, anche quelli siciliani, di nuovi stili enologici e di tendenze.
Sarà uno degli eventi di punta del prossimo Vinitaly quello in cui il patron di Tenuta San Guido e del vino italiano tra i più famosi al mondo - il Sassicaia - discuterà di Bolgheri ma anche di Sicilia, di rossi eleganti e stili enologici.
L’appuntamento è fissato per venerdì 8 aprile alle 15, primo piano del Palaexpo.
L’idea è dell’Istituto regionale della Vite e del vino.
«Confrontarci con Incisa della Rocchetta e fare assaggiare ai partecipanti alcuni rossi sperimentali prodotti in Sicilia è un’occasione da non perdere - spiega Leonardo Agueci, presidente dell’Irvv -.
L’obiettivo è anche quello di capire dove va il gusto, e cosa può fare la Sicilia con un testimonial d’eccezione come il marchese Incisa della Rocchetta».
Grande attesa dunque per quello che verrà fuori durante l’incontro dal titolo «Stile di vino, nuove tendenze e ricerche».
All’incontro oltre ai vertici dell’Irvv e ad Incisa della Rocchetta parteciperà Giuseppe Meregalli, distributore di fama (tra le etichette in portafoglio proprio il Sassicaia), grande conoscitore di mercati e tendenze, Graziana Grassini, l’enologa che segue le sorti dei rossi di Tenuta San Guido, Lucio Tasca d’Almerita, produttore siciliano e l’esperto di lieviti dell’Irvv Daniele Oliva.
A moderare la presentazione il giornalista Carlo Cambi.
Al termine del dibattito degustazione di 4 rossi prodotti nella cantina sperimentale dell’Irvv, due Nero d’Avola e due Merlot, tutti annata 2009, dove a fare la differenza saranno i lieviti.
Quelli selezionati in Sicilia e quelli che possono contribuire a ridurre il tenore alcolico di nuova tendenza.
D’altra parte quest’ultimo aspetto, la gradazione alcolica al ribasso, è ormai un tema imperante tra gli appassionati e il mondo del trade.
C.d.G.
 

Leggi tutto l'articolo