Bomba Ancona,sindaco,obbligo evacuazione

(ANSA) – ANCONA, 17 GEN – L’evacuazione di “una parte significativa della città di Ancona” per il disinnesco di una bomba della Seconda Guerra mondiale è “obbligatoria, non è stata una scelta del Comune o delle altre istituzioni, ma è una misura di tutela data dagli artificieri, dall’esercito, da chi fa queste cose per mestiere”.
E’ l’appello lanciato sui social, in un messaggio registrato, dalla sindaca di Ancona Valeria Mancinelli, in vista di domenica 20 gennaio.
Saranno evacuate circa 12 mila persone nel raggio di 800 metri dal sito, in quattro quartieri, dalle 8 alle 19.
Le forze dell’ordine saranno presenti “in maniera massiccia” nella zona rossa.
La sindaca raccomanda il rispetto degli orari “perdere anche solo un’ora può significare compromettere l’operazione”.
L’evacuazione “comincia dalle 5 della mattina e alle 8 deve essere completata.
Mancinelli ricorda il grande impegno di tutti per assistere la popolazione ed esorta i concittadini ad affrontare la giornata “con serenità, buon senso e pazienza”.