Bonolis e il gioco dei "Basta": "Domenica qualcosa accadrà"

ROMA - Dopo le polemiche suscitate, nella prima puntata di 'Domenica In', dal sondaggio sui "Basta" vinto dal premier Silvio Berlusconi, Paolo Bonolis promette che domenica prossima se ne parlerà nel programma "e qualcosa accadrà".
Il conduttore, ospite questa sera della trasmissione 'Porta a Porta' condotta da Bruno Vespoa, ha escluso che si sia trattato di un "complotto" e ha ribadito che quello dei 'basta' era "un'idea, un gioco".
"Dopo tutto il vespaio - ha detto Bonolis durante la registrazione di 'Porta a Porta' - osserveremo durante la settimana quello che accade e vedrete che qualcosa accadrà".
"So che Berlusconi ha chiesto di venire ospite per tre ore domenica prossima", ha scherzato Vespa.
E Bonolis ha risposto: "Mi dispiace, il gruppo canoro ce lo abbiamo già".
E a Clemente Mastella, anche lui ospite della puntata, che gli chiedeva un pronostico sugli ascolti nel caso in cui il premier andasse a 'Buona Domenica', la concorrenza di Canale 5, "dipende dai pezzi che canta - ha scherzato ancora Bonolis - se sta sul rock, vincono loro.
Se resta sul melodico, possiamo forse strappare una vittoria".
Il gioco dei 'basta', ha spiegato Bonolis, "era nato con la volontà di offrire un'opportunità al pubblico di potersi esprimere su cose che reputava potessero essere sottolineate da un 'basta, non ne possiamo più.
Le persone hanno risposto via e-mail e via telefono: le risposte sono state raccolte, ma non ne so niente.
Alla fine ho letto quello che ho trovato scritto.
Se avessi trovato scritto la Vispa Teresa, avrei letto la Vispa Teresa", ha sottolineato ancora il conduttore.
- Pubblicità - "Si tratta solo di un gioco - ha ribadito comunque Bonolis - di una finestra spalancata a chiunque voglia dire la sua.
Poi, vai a capire il vespaio che si è scatenato".
Chiamato poi da Vespa a scrivere i suoi 'basta' su una lavagna, Bonolis si è avvicinato con fare serioso e poi ha scritto: "Basta perdere il derby", ironizzando sulle delusioni legate alla sua fede interista.

Leggi tutto l'articolo