Borsellino, l'audio choc: «Scortato la mattina, ma libero di essere ucciso la sera»

Dagli archivi (ora desecretati) della Commissione parlamentare antimafia emerge la voce di Paolo Borsellino. «In questi video vediamo un Paolo Borsellino arrabbiato, non ce la fa a portare avanti il lavoro, è troppo e il magistrato non riesce a gestire un numero di procedimenti troppo elevato. Quanto sarebbe necessario che la magistratura avesse la possibilità di curare la qualità, se vogliamo affrontare la mafia e la corruzione bisogna dedicarsi a tempo pieno e non si può rimanere sommersi. Il ministro della giustizia sicuramente provvederà con una serie di provvedimenti». Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho alla conferenza stampa sulla desecretazione degli atti della Commissione antimafia dopo la proiezione di alcuni video del magistrato Borsellino - assassinato da Cosa nostra nella strage di via D'Amelio a Palermo assieme ai cinque agenti della sua scorta il 19 luglio del 1992 - in audizione in antimafia.

«Che senso ha essere accompagnato la m...

Leggi tutto l'articolo