Bosco dello spaccio: 4 mila identificati

(ANSA) – MILANO, 5 MAR – Da ottobre 2018 a febbraio 2019 le forze dell’ordine hanno identificato 4mila persone all’interno del cosiddetto ‘Bosco dello spaccio’ di Rogoredo, a Milano.
Il dato è stato fornito dal prefetto di Milano, Renato Saccone, durante il forum sulla droga organizzato dal Corriere alla stazione Fs di Rogoredo.
Le attività di repressione hanno portato a 30 arresti e 308 denunce, 3.907 identificazioni, 113 proposte di foglio di via dalla città e sono stati segnalati un centinaio di acquirenti.
“Questa è la più grande area di spaccio del Nord Italia – ha detto don Gino Rigoldi – è arrivata a contare fino a mille tossicodipendenti” al giorno.
Sul fronte sociale “sono stati fatti 150 interventi sul campo – ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana – con 550 tossicodipendenti avvicinati e 12 persone prese in carico con sei già entrate in comunità”.
Fontana ha ricordato anche come la situazione al Parco delle Groane sia “ancora più grave” di quella a Rogoredo.