Botte al pronto soccorso di Sanremo, i quattro stranieri restano in carcere

Cronaca
29 dicembre 2018
IL CASO
Botte al pronto soccorso di Sanremo, i quattro stranieri restano in carcere

Sanremo - Rimangono in carcere i quattro nordafricani arrestati l’altra sera per avere devastato il Pronto soccorso dell’ospedale Borea, e infine aggredito due carabinieri. Oltre ad avere scatenato il panico tra i pazienti in attesa e il personale sanitario. La presenza di una guardia giurata ha scongiurato il peggio, l’intervento dei militari ha messo fine all’episodio.
Ieri mattina i quattro stranieri, di età compresa tra i 24 e i 32 anni, sono comparsi davanti al giudice Chiara Bosacchi, che ha convalidato gli arresti e disposto per tutti la custodia cautelare in carcere, fissando il processo il 14 gennaio. La misura è per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, per i danni arrecati agli arredi del Pronto soccorso sono stati invece denunciati a piede libero. I quattro sono difesi dagli avvocati Stefania Lombardi e Paolo Burlo.
A distanza di 24 ore, è stato ricos...

Leggi tutto l'articolo