Brexit: nuova sfida per premier May

(ANSA) – LONDRA, 14 FEB – Nuova giornata di dibattito sulla Brexit oggi ai Comuni, interlocutoria ma non priva di grattacapi per il governo di Theresa May.
La premier Tory, che lunedì ha chiesto altre due settimane di tempo per provare a uscire dallo stallo con Bruxelles sulla richiesta di modifiche del contestato meccanismo del backstop sul confine irlandese, deve infatti affrontare nuovi emendamenti che mirano a legarle le mani.
Le opposizioni (laburisti in testa), spalleggiate da alcuni deputati conservatori dissidenti pro-Remain, puntano per ora a riproporre un testo che se approvato obbligherebbe la premier a sottoporre alla ratifica finale del Parlamento il suo accordo entro il 26 febbraio e, in caso di nuovo flop, a far mettere ai voti le alternative presentate trasversalmente dall’aula.
Ma il governo rischia anche su un emendamento ‘amico’, che ribadisce il sostegno allo sforzo di May per ottenere dall’Ue rassicurazioni del backstop, non senza evocare tuttavia l’impegno a evitare l’epilogo di una Brexit no deal.