Briciole e distrazione

È una questione di occhi, i primi a piegarsi, ruvidi e asciutti dopo ore e ore e ore e ore e ore...
Sei un mammifero, vivi come me, hai gli stessi miei bisogni, le stesse mie esigenze, la stessa mia pancia.
Me lo ripeto ogni volta che penso di mollare tutto e seguirti...
sei un mammifero.
No, non fa freddo, hai ragione tu...
Sei contenta? Hai visto che sole? Già...
non c'è il sole...Non ti servono lenti.
Bastano gli occhi per mettere a fuoco i miei sorrisi.
A ferro e fuoco la mia pancia, bastano gli occhi.
La casa è di carta ed è casa tua, briciole e distrazione questa sera per cena.
Vuoi del vino? Sogni di un fuoco e un fuoco ti sogna, profumo di legna e chiudi quegli occhi che la fretta non salva.
E non c'è amore senza che appaiano le vene sulle mani mescolando polvere e sangue.
Di cosa hai bisogno? Di un cuore più grande.
Siamo carne impastata con acqua e sogni e ci asciughiamo nella vertigine di chiamarci ancora...
amore mio.
Non c'è amore con un gli occhi fissi sulla strada e un orecchio teso al traffico, solo briciole e distrazione per cena...
e sei così bella diomio...

Leggi tutto l'articolo