Brucia viva la sua ex ragazza e fugge

Il Daily Mail ci racconta la storia di Naomie Breton, una donna che ha dovuto affrontare le angherie del suo ex fidanzato fino ad essere bruciata viva dopo aver ricevuto minacce con un coltello.
Il tutto dopo che due settimane fa il tribunale ha rifiutato di emettere un ordine restrittivo nei confronti dell’uomo, Roosevelt Mondesir.
LA FUGA - L’attacco è stato documentato dalle telecamere di sorveglianza dell’impianto di distribuzione del 7 Eleven di Boynton Beach, in Florida.
I due dovevano incontrarsi al negozio così che l’uomo potesse darle il figlio avuto insieme.
Purtroppo per la donna l’uomo è arrivato da solo a bordo della sua Jaguar bianca e ha innaffiato la donna con la benzina.
La donna è corsa nel negozio alla ricerca di una salvezza ma il cinquantaduenne l’ha seguita ed è riuscito con l’aiuto di un coltellaccio ad aprire la porta tirando fuori la donna. FUGGITO E RITROVATO - Mentre cercava di tirarla fuori dal negozio l’uomo è riuscito a dare fuoco agli indumenti della sua fu compagna, con le telecamere che hanno ripreso l’intera scena.
La Breton ha lasciato la loro casa lo scorso marzo e da quel momento Mondesir ha iniziato a minacciarla.
Dopo l’aggressione la polizia ha rintracciato l’uomo, fuggito a piedi, nella campagna vicina.
Le forze dell’ordine hanno fatto irruzione poi in casa dell’uomo dove hanno trovato il bambino di quattro anni addormentato.
L’uomo è stato incriminato per tentato omicidio.
fonte:giornalettismo

Leggi tutto l'articolo