Bulli & biciclette

Il modo molto "europeo" di mettere al primo posto quel malinteso senso di uguagliaza che vede solo "discriminazioni" ha come conseguenza la perdità parallelamente  e contemporaneamente, del senso della REALTA'..
Ne deriva che questa modalità, già di per sè patologica che nasce dall'ansia post-sessantottina di "uguaglianza", primato dei "diritti" , "NO alle discriminazioni" eccetera eccetera,  che ha portato ad abolire, per un malinteso senso democratico, le differenze. si sia poi sviluppato ulteriormente negl'anni ottanta con il"relativismo", alias "interpretazione", alias "pensiero debole", alias dell'alias,  il "Polyticall correct" Oggi, però, cominciamo a trovarci a pagare le conseguenze di quel modo demenziale di ragionare.
Il sistema educativo è al collasso.
Famigliare o scolastico che sia.
I giovani sono in grandissima parte degli ANALFABETI sia da un punto di vista cognitivo che affettivo.
Il "bambinocentrismo" ha prodotto figli "feticci"; adorati, giustificati, coccolati e mai puniti per l'abolozione del concetto di AUTORITA' confuso demenzialmente con quello di "autoritarismo" e, all'apice di questa perversa piramide osserviamo ora il fenomeno del BULLISMO e quell'altro fenomeno complementare, diverso solo per "quantità" degli "ULTRAS" che solo pochi giorni fà hanno infangato l'immagine dell'Italia.
Si pensa di risolvere il problema con..."Lippi diventa attore contro tutti i razzismi " Il c.t.
della Nazionale ha accettato, riferiscono i quotidiani,  di girare per Moni Ovadia in un dvd da distribuire nelle scuole.
Tra i testimonial anche Jovanotti e gli attori Albanese e Nicoletta Braschi"  Peccato che i nostri problemi derivino, ben più che dal razzismo, dalla incapacità della comunità europea di vedere qualcosa oltre al NO ALLE DISCRIMINAZIONI senza uno straccio di PROGETTO EDUCATIVO che vada oltre alla "cultura" intesa nel senso di quella del rock, Jovannotti, cinematografica, Albanese-Braschi, o calcistica, Lippi & company.
Fino a che la CULTURA sarà solo le "culture", ovvio che domini il PIU' FORTE nella fattispecie dell'immagine, variante moderna di quella "forza" che sempre sostituisce e sostituirà la Cultura con la "C" maiuscola.
Vi piace tanto il "relativismo"? E allora pedalate !!  ;)

Leggi tutto l'articolo