Buon compleanno!!!

Sono 39 e penso di portarli bene.
Ringrazio i miei genitori, mio fratello, i miei zii, mia cognata e, ultima ma non nel cuore, mia figlia Elena che mi da la forza di continuare a vivere e di guardare avanti, come una lanterna in una notte buia.
Questi anni in Giappone sono passati velocemente, forse troppo velocemente.
Non voglio cominciare a scrivere dei primi giorni della mia vita in Giappone, ma quello che ho sentito e che sento ancora adesso è la tenerezza, il sorriso, l’eleganza del modo di camminare e di muovere il corpo delle donne giapponesi, specialmente quando mettono il kimono.
La lingua che percepisco dentro forse è cambiata ma penso proprio di essermene innamorato o meglio infatuato.
Finite le smancerie, da domani la festa di Ghion comincerà ad attirare l’attenzione dei media giapponesi e soprattutto dei turisti.
Per le strade del centro dalla mattina i carri verranno pian piano costruiti e dal tempio Yasaka ( il tempio shintoista forse più grande a Kyoto ) partirà il primo corteo per inaugurare questa festa.
Dalla mattina del 17 tutto il centro sarà chiuso per il corteo più grande dove dei grandi carri tapezzati faranno mostra di se stessi, tutto però con una calma che solo Kyoto sa dare.
In quel giorno ci sarà una calca di persone come quella del carnevale di Venezia il martedì grasso.
Spero di poterci andare e spero anche che non piova com’è successo lo scorso anno.
Quest’anno ho intenzione di seguire un po’ più da vicino questa festa e pian piano creare un database di foto e di impressioni personali.
Il link per la pagina giapponese : http://www.kyoto-np.co.jp/kp/koto/gion/gion.html E il link in inglese: http://www.kyoto-np.co.jp/kp/koto/gion/2008/jyunban/jyunban_e.html

Leggi tutto l'articolo