C'era un padre

Le pagine che seguiranno sono state prese e liberamente punteggiate da un testo scritto dall'autore nipponico Inoue Yasushi    che si intitola "Ricordi  di mia madre".
All'inizio del libro, prima di passare al racconto degli ultimi anni della madre affetta da demenza senile, l'autore si sofferma sulla figura dell'anziano padre morente.
Mi colpiva la delicatezza con cui è tratteggiata la figura del padre  e come sono descritti gli ultimi ricordi di lui.
Riportandoli  l'autore pare scoprire, forse per la prima volta,  l'enorme valore di ciò che in maniera quasi impercettibile egli  gli ha trasmesso.
E di ciò si coglie un'eco di gratitudine  commossa e di un'intimo  stupore uniti però  al riserbo e al pudore tipici di quella cultura.
Le immagini invece sono state tratte dal film "C'era un padre" del grande regista giapponese Yasujiro Ozu e da altri suoi film che celebrano i valori della società tradizionale  quali i legami familiari, il sacrificio e la dedizione attraverso la fedeltà ai...

Leggi tutto l'articolo