C'era una volta NAPOLI ! COsi muore una città ? siamo mai stati VIVI ?

napoli addio Cosi muore una città? c'è solo una piccola parte di verità in quest'articolo ma vale la pena leggerlo, quindi lo posto, cosi com'è !!! Benvenuti al Sud, Benarrivati  ..non è il dopoguerra, non è l'africa, ne l'iraq o il vietnam ..
e  l'anno 2005- Napoli ...
ITALIA _____________________________ ___________________ @angel _____________________________ __________________________ (fonte:l'espresso) Strade in ostaggio di bande di ragazzini senza futuro.
Montagne di rifiuti.
Disoccupazione endemica.
La rinuncia a imporre le regole.
Così muore il sogno di una città di Leo Sisti Napoli, Vomero, sabato 10 settembre, ore 19.
In piazza Vanvitelli, come ogni week-end, va in scena la movida nel quartiere bene.
È l'ora del branco, le baby gang si affollano per un'altra notte brava.
Sono migliaia di ragazzini, da 12 anni in su.
Scendono dalla stazione del metro.
Moltissimi partono da Scampia, l'area dove si smercia la cocaina a cielo aperto, altri si aggiungono nelle sette fermate intermedie prima di arrivare a destinazione.
I più pericolosi nascondono in tasca coltellini e tirapugni, pronti allo scontro con gruppi rivali.
Ondeggiano, sciamano nelle vie dello shopping, tra via Scarlatti e Luca Giordano, si aggirano tra negozi di lusso e gli store di Nike e Stefanel.
Alle 23, proprio a due passi dalla piazza, qualcuno appicca il fuoco a dei cartoni appoggiati a un cassonetto.
Nessuno si muove.
Dopo un po', un volenteroso vigile urbano cerca di domare l'incendio.
Ci riesce a metà, poi lascia perdere.
Si giustifica: "Si spegnerà da solo".
Macché, le fiamme si alzano sempre di più.
Un passante interviene coprendole con altri cartoni.
Rimane solo un po' di fumo.
Una ragazzetta di 14-15 anni, resa forte dallo spirito della banda, urla: "Bravo, sei un genio!", suscitando l'applauso corale di 400-500 coetanei.
Pochi metri più in là, due agenti sistemati nel camper della polizia assistono alla scena.
Domanda: "Perché non fate niente?".
Risposta: "Non spetta a noi.
È compito dei pompieri".
Testuale.
È una giornata di ordinaria follia metropolitana, al Vomero, preso di mira da quando, da qualche anno, i treni da Scampia vi fanno tappa.
Sono treni a rischio di vandali: vetri rotti o frantumati.
Per questo quattro guardie giurate si imbarcano sull'ultima corsa, quella delle 22 e 57, per 'accompagnare' a casa quel carico umano.
Qui, al Vomero, lo scorso novembre quattro tredicenni si sono scatenati: tre rapine nel giro di mezz'ora.
Otto mesi fa, in gennaio, in piazza Vanvitelli un automobilista ha pagato a caro prezzo [...]

Leggi tutto l'articolo