C'est un nouveau jour

Un nuovo giorno.
  Un'alba candida.
Per me, che darei qualunque cosa pur di poter restare, ancora un po', tra le lenzuola!   Lo so...
L'aria del mattino e lo stato di riposo godereccio sono la mia passione...
Il sonno ti ha già lasciato, ma non del tutto, e tu puoi concederti qualche altro minuto di pace...
  Un'ora...
  Ah!   Questa mattina, invece, l'alba mi ha trovato già sveglio.
  Sarà la stanza, che non è la mia...
  Sarà l'ambiente, del tutto estraneo...
  Sarà, invece, che sono qui.
Che ho ritrovato Sophie.
Che ho scoperto l'esistenza di mia figlia...
  Sì.
E' così.
  Potrei non aver dormito da settimane, sarei comunque sveglio...
  Vorrà parlarmi? Intendo...
  Vorrà tornare a parlarmi? Vorrà tornare ad essere mia amica?   Saprò trattenere i pensieri? Le parole inopportune? Saprò rispettare la sua nuova dimensione e starmene in disparte?   Saprò riallacciare il nostro legame? Il nostro rapporto?   Saprò avvicinare Marguerite ed essere un buon padre?   Certamente, non l'immaginavo! Non credevo che mi sarebbe stata lontana per un tempo così lungo.
Non la credevo capace.
  Mi sbagliavo.
Non mi avrebbe mai raggiunto.
Non me ne avrebbe mai parlato.
  Non mi ha rifiutato, però.
E' già un passo.
  Avrebbe potuto farlo.
  Sono felicissimo, ma non sono completamente sereno.
No, oramai ho dimenticato il significato di questo termine.
  Non lo sono.
  Sto tentando di riunire i cocci di un vaso pieno di miele, andato in frantumi.
Il liquido cola sul pavimento e scarpacce infangate ci camminano.
  E' lo stato del mio rapporto con Sophie.
  Potrò vedere Marguerite, però.
  Potrò tenerla tra le braccia e stringerla a me.
Potrò sorriderle.
Potrò baciarla.
Potrò dirle di essere suo padre.
  Questo non ha prezzo.
  Le loro due vite sono legate alla mia.
Sophie può scegliere di non condividerla più, con me.
Voglio sentirlo dalla sua voce, però.
Non lasciare che siano i miei pensieri velenosi ad occultare le sue vere intenzioni.
  Sarà Sophie, a dirmelo.
Io non glielo chiederò.
  Non potremmo, mi chiedo, smettere d'impuntarci e perdonarci?   Ah, troppo semplice!   Abbiamo sbagliato.
Io, certamente.
  Non so se Sophie consideri la sua relazione con Roger come un errore.
  Non credo.
  No, non lo so.
  Non è un argomento, comunque, ora.
Niente di ciò che io penso è un argomento.
Non posso, e non voglio, innescare dinamiche guerresche, che non finirebbero mai.
  Sono qui per amore, non per vendetta.
  Vendetta! Di cosa dovrei vendicarmi? L'ho già fatto.
Sono stato [...]

Leggi tutto l'articolo