CALABRIA: poveri noi!

Per le prossime elezioni politiche nelle liste calabresi vi sono impresentabili, vecchi volponi, riciclati, massoni e gatte morte.
È chiaro che questi soggetti non si sono autocandidati. C’è chi li ha segnalati, nominati e candidati. Tutti sanno chi sono i responsabili.

Tutti sanno, ancora, che le dimissioni di un parlamentare, dopo essere, eventualmente, stato eletto, sono una barzelletta.
A parte che non vi è vincolo di mandato, uno può sempre fare parte di un altro gruppo politico, il parlamentare che dovesse decidere di dimettersi, deve spiegare le proprie motivazioni all’aula, la quale poi voterà sulle dimissioni. Il voto su una persona, da regolamento, sia della camera che del senato, deve essere fatto a scrutinio segreto. È prassi che la prima votazione abbia esito negativo, come gesto di cortesia nei confronti del deputato o senatore.
Il processo è quindi molto lungo, sia per calendarizzare la votazione, che per poi mettere in piedi la macchina che porta, eventualmente, al...

Leggi tutto l'articolo