CALCIO: Colomba "L'Inter è un carro armato"

Il tecnico spera che il Bologna prosegua la propria striscia positiva nell'anticipo con i nerazzurri: "Noi siamo una berlina, se mettiamo il turbo possiamo farcela"   BOLOGNA - Il Bologna di Franco Colomba ha cominciato ad ingranare e in città cresce l'attesa per l'anticipo di campionato che opporrà i felsinei all'Inter capolista: "Si respira una certa euforia a Bologna - ammette il tecnico - abbiamo dato qualche segnale positivo, mostrando la nostra voglia di risalire e la città l'ha percepito.
Veniamo da una buona prova in casa e vorremmo bissarla: la gente vuole godersi questa giornata e noi vogliamo regalarle un'emozione importante.
Sanno tutti quanto è difficile affrontare l'Inter, ma perché privarsi di un sogno?".
INTER: UN CARRO ARMATO - L'allenatore rossoblù si concede dei paragoni 'motoristicì per spiegare le qualità dell'Inter: "Squadre come il Milan e la Roma sono come delle spider - argomenta Colomba - a volte sono brillanti ed entusiasmano.
L'Inter invece è un carro armato, per la sua fisicità: è una squadra da campionato, sai che prima o poi arriva.
Sulla lunga distanza contano non solo la qualità e la tecnica, ma anche la tenuta fisica.
Il Bologna? Siamo una berlina di media cilindrata, se mettiamo il turbo possiamo toglierci qualche soddisfazione anche contro chi è più forte di noi sulla carta".
GENEROSITA' RAGIONATA - Il tecnico sa cosa deve fare la sua squadra per battere la capolista, o almeno per metterla in difficoltà: "Dobbiamo essere generosi come contro il Palermo - prosegue Colomba - dobbiamo uscire dal campo senza rimorsi né rimpianti.
Per fare punti dobbiamo fare la partita perfetta e sperare che l'Inter non sia al top: essere generosi, quindi, ma con una generosità ragionata.
L'Inter non è il Palermo ma il nostro atteggiamento deve essere lo stesso e uguale sarà il modulo.
Osvaldo? L'ho visto bene, forse non è il momento per schierarlo da titolare, o forse sì".
SUCCESSO PESANTE - Franco Colomba ha un ricordo particolare tra i suoi trascorsi contro l'Inter: "Ho sempre allenato delle provinciali, quindi ho perso tante volte con l'Inter.
Ricordo però quando con la Reggina battemmo i nerazzurri al 'Granillo' - racconta il tecnico - segnarono Possanzini e Marazzina e quel successo costò la panchina a Marcello Lippi".

Leggi tutto l'articolo