CAPPARELLA: L'ASCOLI GIOCA COL FUOCO

I giochi di mercato rendono inevitabilmente difficile dare una logica al susseguirsi delle notizie.
Proviamo a sciogliere i fili della matassa, precisando che l'ufficialità del trasferimento del giocatore al Napoli è stata al momento posticipata al prossimo fine settimana.Come avvenuto anche in altre circostanze, tipo per Calaiò con il Pescara, la società proprietaria del cartellino del giocatore corteggiato da Marino ha fatto la preziosa.Stabilito che la contropartita al forte tornante marchigiano possa essere tecnico/economica, oltre a contare il bel pacco di euro promesso dalla Napoli Soccer, l'Ascoli cerca di imporre la propria preferenza per quanto riguarda il calciatore in arrivo dal capoluogo campano.
Pare che abbia puntato con decisione su Corrent, proprio quando l'arrivo di Reja ha trasformato questo giocatore da sicura merce di scambio a titolare quasi inamovibile.
Marino sta invece provando a pilotare verso Ascoli uno tra Toledo, Accursi o al limite Consonni, che Reja ha spedito in tribuna domenica scorsa, tra il sincero stupore dei tifosi napoletani.L'Ascoli, non vedendo soddisfatte immediatamente le sue richieste, allora accetta l'appuntamento con la dirigenza leccese, che aveva espresso interessamento per Capparella soprattutto per la stima che ha di lui Zeman.
I tempi così si allungano.
Ma di tutta la questione non si può trascurare un particolare: Capparella si sarebbe accordato col Napoli da parecchio tempo, sposandone il progetto e...
l'ingaggio triennale.
A questo si aggiunga che a giugno scade il contratto con l'Ascoli del centrocampista.
Risultato? Se l'Ascoli tenta di cedere il giocatore al Lecce oppure vuol tenerlo, rischia fortemente di perderlo la prossima estate senza ricavare un euro.
Vediamo chi la spunta.A presto!Giodecer

Leggi tutto l'articolo