CARITAS, POVERO IL 13% DEGLI ITALINI

In Italia le misure contro la povertà sono le meno efficaci in Europa: se in alcuni Paesi (come Svezia, Danimarca, Olanda, Germania, Irlanda), l'impatto della spesa per la protezione sociale riesce a ridurre del 50% il rischio povertà, da noi si raggiunge un magro 4%.
Un record che l'Italia, nell'Europa dei 15, detiene insieme alla Grecia. E' quanto sostiene l'8° Rapporto sulla povertà della Caritas Italiana-Fondazione Zancan - presentato oggi - che lancia l'allarme: "Nell'Europa dei 15, l'Italia presenta una delle più alte percentuali di popolazione a rischio povertà".
Il rapporto ricorda i dati Istat: il 13% degli italiani è povero, vive con meno di 500-600 euro al mese.
Sono povere le famiglie con anziani (soprattutto se autosufficienti) ed è povero un terzo delle famiglie con tre o più figli; il 48,9% di queste vive al Sud.
Avere più figli aumento il rischio di povertà.
Eppure non è così altrove.
Ad esempio, in Norvegia con più figli il tasso di povertà si abbassa.
Il nostro Paese è al di sotto della spesa media per la protezione sociale.
In realtà, la spesa aumenta ma per via della previdenza.
Nel 2007, il pubblico ha erogato prestazioni a fini sociali pari a 366.878 mln euro, di cui il 66,3% per pensioni (+5,2% rispetto al 2006).
Squilibrio più evidente se si considera l'incidenza sul Pil: la spesa per la previdenza incide per il 15,8% (15,6%), quella per la sanità per il 6,2% (6,4%), per l'assistenza sociale per l'1,9% (1,9%).
Il rapporto suggerisce di riorientare e riqualificare le risorse.

Leggi tutto l'articolo