CARLA E LA PASSEGGIATA A MILANO mini racconto 6 di Dino Secondo Barili

Miniracconto 6 Carla e la passeggiata a Milano Pavia è una piccola e bellissima città.
Quando, però, una persona èstufa di girare intorno all’imbuto di Piazza della Vittoria prende il treno ein mezz’ora è in Piazza del Duomo a Milano … un altro mondo, un’altra società,un’altra vita.
Così, una settimana fa, ha fatto Carla, una bellissimatrentenne, alta, bionda, occhi azzurri e gambe da fine del mondo che si erastancata del solito tran tran.
Anche a Milano, però, non sono tutte rose efiori.
Infatti, Carla, appena arrivata in Piazzale Cordusio inciampò in unapiccola, ma pericolosa buca, e prese una storta.
Quando si è soli in una grandecittà e capita un minimo incidente … ci si augura sempre che “Dio la mandibuona”.
Carla, dopo l’accaduto, si fece mentalmente il segno della croce e siaffidò al Destino.
Infatti, accanto a lei c’era un signore sui settant’annimolto gentile che si è accorto subito di quanto era accaduto a Carla.
“Signorinasi è fatta male?” Carla cercò di minimizzare, ma il dolore al piede sinistrodiventava lancinante.
“Signorina non si preoccupi … ci sono io.
Potrei esseresuo nonno, ma in questo caso è la sua fortuna” Infatti, il Signore gentile,pigiò un tasto sul suo telefonino ed apparve una fuoriserie con autista inlivrea.
In perfetto stile inglese l’autista aprì lo sportello della lussuosaautomobile e fece accomodare sia il Signore … sia Carla.
La trentenne pavese sirese conto di essere baciata dalla Fortuna.
Dopo pochi minuti, Carla era ospitein un lussuoso attico nel centro di Milano con tutta l’assistenza necessaria.Quando la Fortuna ci mette lo zampino fa le cose in grande.
Dopo l’ospitalità èarrivato l’invito ad entrare da subito nella ristretta cerchia delle “personedi famiglia”.
In capo ad un giorno.
Uno dei figli del Signore che aveva aiutatola trentenne (il favoloso cinquantenne Dott.
Carlo) aveva messo gli occhi suCarla con l’intento di iniziare subito il fidanzamento ufficiale.
Dino

Leggi tutto l'articolo