CASO WEINSTEIN: COSI' FAN...QUASI TUTTI

I giornali e la grande comunicazione mondiale, hanno scoperchiato un pentolone che ha provocato tanto di quel vapore che ormai annusiamo tutti l'odore del lezzo e del fetido che bolliva da tempo in quell'acqua ormai impalpabile e diffusa nell'aria.
Il caso Weinstein non è poi nuovo e originale: casi di abusi, di situazioni boccaccesche, di violenze, di forzati assensi nel cedere il proprio corpo, ne conosciamo tanti.
Sul lavoro in genere, è il mezzo più becero e diretto per lo scambio aberrante: vuoi lavorare? Bene, devi cedere il corpo! Oserei dire che questo tipo rapporto sia vecchio quanto il mondo, solo che se accade ai miseri, alle tapine e ai comuni mortali, c'è un pizzico di speranza che si sappia, che si venga a conoscenza del vile ricatto subito; in questo caso parliamo di personaggi noti, di vip, di attrici famosissime e note al grande pubblico.
Chi parla per prima? Chi si prende la polarizzazione della storia riportando le sue brutte esperienze? Ci vuole coraggio e deter...

Leggi tutto l'articolo