CELLULARE, CHE PASSIONE!!

  La grande invenzione di Martin Cooper compie 40 anni: mi riferisco al “cellulare” e, ad onor del vero ed a sentire le confidenze dei suoi amici, il geniale Martin non pensava certo di far compiere un così grande passo avanti all’umanità, da sconvolgerle la vita! Il telefono, per la verità, esisteva già fin dai tempi della querelle tra Meucci e Bell, ma Cooper – capo ricercatore alla Motorola – inventò un accessorio diventato in breve indispensabile: il telefono cellulare, un aggeggio, cioè che si poteva portare dietro e usare in qualunque posto (o quasi).
Il primo apparecchio uscito dalla fabbrica si chiamava DynaTac, pesava un chilo e mezzo e garantiva un’autonomia di trenta minuti, dopo essere stato attaccato alla presa per la ricarica per dieci ore.
Il prototipo Motorola costava 4/mila dollari e per coloro che se lo potevano permettere, veniva considerato un’inezia se comparato al costo di ogni singolo minuto di conversazione; comunque, il cellulare rimase “un sogno” per moltissima gente.
Passeranno ben 10 anni perché il prototipo venga sostituito dal suo successore, il DynaTac 8000X,; dopo 6 anni nacque il MicroTac, il primo “flip phone” che, dopo quattro anni venne sostituito dal Simon Personal Comunicator, il primo con i requisiti di uno smarthphone; in Italia la prima azienda che si occupò di questo prodotto fu la Olivetti che realizzò un cellulare chiamato dai clienti “spaccatasche” perché era ingombrante e di notevole peso e per questi motivi, ovunque cercassi di infilarlo, riusciva a creare danni al tuo vestito.
Il primo problema che creò il nuovo aggeggio, fu quello della privacy e della reperibilità, in quanto ogni possessore di cellulare era (ed è; smettiamo di usare  il passato) alla mercè di qualsiasi scocciatore che sia in possesso del numero di riferimento; ma lo slogan che venne usato in quei tempi era: “sei in contatto con il Mondo e il Mondo è in contatto con te””; quasi tutti ci cascarono e non compresero il sottostante legame che veniva a crearsi tra il chiamante e il chiamato.
Ricordo che negli anni di inizio secolo – 2000 o giù di lì – quando avere il Blackberry era un simbolo di emancipazione sociale, una volta mi ritrovai in treno, in uno scompartimento in cui c’ero solo io e un signore che salì sul treno dopo di me e appena preso possesso del posto, tirò fuori di tasca 3(tre!!) cellulari e li mise ostentatamente vicino a se.
Il tempo passava e il trillo non veniva, i cellulari non davano segni di vita; il signore che voleva [...]

Leggi tutto l'articolo