CHE BANCHE!!!

  Con le banche ormai non c'è più feeling.
Un tempo vi era l'obbligo del rapporto cordiale e compiacente: "Tu mi dai i soldi e io ti propongo servizi, curando i tuoi interessi".
La fiducia era sufficiente per fidarsi e bene o male, i rapporti erano sopportabili, specie per chi con le banche ci doveva lavorare.
Oggi, dopo aver subito per anni decisioni unilaterali da capestro e trattamenti da strozzini, siamo giunti agli scandali: il classico vaso di Pandora che una volta aperto, ha mostrato tutto il marciume che era nei loro..."caveau".
Insopportabili situazioni banditesche e malandrine, hanno portato sul lastrico risparmiatori che hanno affidato i loro piccoli capitali nelle mani bucate di arraffoni senza scrupoli producendo gravi danni all'economia di tante famiglie.
Non c'è nessuno, a parte i ricchi con i soldi, che non entri in banca col muso, uno sforzo sovrumano obbligatorio perché costretti, ma l'umore va sempre peggio, è come entrare in un girone dantesco da cui si sappia già come si uscirà: con le mani al culo! Questa è purtroppo la penosa situazione odierna con tanti problemi gravi e ancora da risolvere.
Eppure, sarebbe bello avere un rapporto scevro da ogni sospetto, leale e schietto, sincero e senza giochi di prestigio.
Un rapporto rispettoso e diretto, con un servizio che badi essenzialmente alla sicurezza del cliente.
Uno dei gesti più usuali della clientela è appunto, l'uso dello sportello Bancomat.
Date un occhiata e ditemi se non sarebbe bello se funzionasse veramente così la nostra banca. 

Leggi tutto l'articolo