CIVICA MENZOGNA

 
 
DUE PESI, DUE MISURE, E BIPENSIERO
 
Civica menzogna
di Nereo Villa
 
 Dove � carente l'arte di pensare, abbonda la menzogna, in cui l'"arte" di mentire agli altri � superata solo dall'"arte" di mentire a se stessi. Ne consegue da sempre menzogna "civica" poggiante sulla credenza nel "peccato originale", connessa al mito alimentare del frutto proibito, consistente nel "primo incontro dell'uomo con una droga" (T. Szasz, "Il mito della droga"). Quest'ultima, se da un lato pu� portare alla morte per avvelenamento, dall'altro apre alla visione mistica di Genesi 3,5: "Si aprirebbero i vostri occhi". Ogni esperienza della materia - mistica, corporea o dialettica che sia - pone la natura umana davanti a una scelta fra il suo uso ed il suo abuso: l'abuso genera menzogna circa la dipendenza dell'io dalla sostanza. Il superamento della dipendenza incomincia dal riconoscimento della menzogna mediante evoluzione dell'attivit� interiore fino all'indipendenza. Da sempre, indipendenza e dipendenz...

Leggi tutto l'articolo