CORONA ARRESTATO A LISBONA: BRACCATO DALLA POLIZIA, SI È CONSEGNATO IN LACRIME

Era ormai braccato dalla polizia portoghese e dagli investigatori della Squadra Mobile, perciò, vistosi ormai spacciato, ha anticipato l'arresto consegnandosi alle autorità, in una stazione della metropolitana della città portoghese.
Così è finita dopo soli 5 giorni la latitanza di Fabrizio Corona, il fotografo dei vip condannato a 5 anni di carcere per l'estorsione al calciatore ex Juventus Trezeguet, e che ora, dopo la fuga, rischia che la sua pena salga fino a oltre 7 anni di reclusione.
«Più che costituito si è arreso», è il commento dei vertici milanesi della Questura.
A quanto si apprende Corona sarebbe stato arrestato alla stazione di Monte Abraham, in località Queluz, periferia di Lisbona.
Secondo chi l'ha visto il fotografo è apparso avvilito e sconfortato.
LE PRIME PAROLE: "PAURA DELLE CARCERI ITALIANE" «Non sono fuggito, me ne sono andato dall'Italia perchè turbato da una sentenza ingiusta e perchè temo per la mia vita nelle carceri italiane».
Sono le prime parole di Fabrizio Corona, secondo quanto riferisce all' ANSA il suo legale, l'avvocato Nadia Alecci, che lo ha sentito telefonicamente.
Stamani dagli uffici della polizia di Lisbona - dove Corona, braccato dagli investigatori, si è consegnato - il 'fotografo dei vip' ha telefonato al suo legale, dicendo: «Mi sono costituito spontaneamente, me ne sono andato dall'Italia perchè turbato da un'ingiustissima sentenza e ho preferito raggiungere Lisbona e venire a costituirmi qua, perchè ho paura delle carceri italiane e temo per la mia vita».
Corona, dunque, in sostanza, ha fatto presente al suo legale di non essere scappato e che non si voleva dare alla latitanza, ma ha spiegato di aver fatto un «lungo viaggio», di quattro giorni, per arrivare a costituirsi in Portogallo, perchè non voleva finire nelle «carceri italiane», tra l'altro dopo una «sentenza ingiusta».
Anche, secondo l'avvocato Alecci, la sentenza della Cassazione che ha condannato Corona a 5 anni è «esagerata».
Il legale attende comunicazioni per la fissazione delle procedure di estradizione (la Procura Generale di Torino ha già emesso nei giorni scorsi il mandato di arresto europeo per ottenere la consegna del 're dei paparazzì).
Non sono state ancora fissate date per la procedura di estradizione e il legale, quando avrà comunicazioni, si recherà probabilmente in Portogallo.
COMPLIMENTI AI POLIZIOTTI L'arresto di Corona ha immediatamente cancellato anche le polemiche emerse nei giorni scorsi, quando il fotografo era riuscito a dileguarsi.
Secondo indiscrezioni [...]

Leggi tutto l'articolo