CRADLE TO CRADLE

 "Cradle To Cradle", "dalla culla alla culla, è il nome di una filosofia, nata con l'architetto William McDonough nel 2010, il cui obiettivo è convertire i processi produttivi con lo scopo di recuperare i materiali di scarto per generare nuovi prodotti, riducendo sempre più la produzione di rifiuti e realizzando un ciclo di produzione completamente sostenibile.                                                   Come? I materiali utilizzati vengono assimilati ad elementi naturali: dovranno rigenerarsi e trovare nuova vita.                                  Superata l'iniziale fase di inconsapevolezza ambientale, le società occidentali sono ora proiettate verso nuovi modelli di produzione e consumo, volti a ridurre l'impronta ecologica, quindi il consumo di materie ed energia, con l'obiettivo del riciclo del prodotto nella sua totalità.                                                                                      E' questa la base del progetto di recupero dei rifiuti dei materiali industriali di scarto che si avvierà nel Regno Unito, coinvolgendo le aziende presenti nel London Sustainable Industries Park, al fine di estendere la Cradle To Cradle ad un numero sempre maggiore di siti industriali.                      L'iniziativa consiste nel recupero di materiali aggregati, che verranno riutilizzati per la creazione di progetti verdi ed inoltre per sostituire, lungo i sentieri, la ghiaia utilizzata per favorire il drenaggio dell'acqua.     Questo progetto permetterà una riduzione della mole di rifiuti (stimati nel Regno Unito in oltre 434 milioni di tonnellate) avviati in discarica, con conseguente risparmio economico e di emissioni di CO2, oltre che un considerevole risparmio di risorse primarie.   In linea di principio, il Cradle To Cradle è un'idea semplice quanto necessaria, non per ridurre l'impronta ambientale, ma per trasformarla.

Leggi tutto l'articolo