CREMONA: UNO SCANDALO DESTINATO A SVELARE ORRORI INIMMAGINABILI

  Alla cortese attenzione di sindaco@comune.cremona.it; presidente@provincia.cremona.it; mario_astuti@regione.lombardia.it; vetcremona@aslcremona.it; dirittianimali@bairo.info; prefettura.cremona@interno.it; urp.cr@poliziadistato.it; e.p.c.
info@e-cremona.it; informagiovani@comune.cremona.it; redazione@ilpiccologiornale.it; lettere@laprovinciadicremona.it; direttore@24oreonline.it; tgn@telenova.it;tloggi@telelombardia.it;redazioneinternet@antenna3.it; Sindaco di Cremona Gian Carlo Corada sindaco@comune.cremona.it Provincia di Cremona Presidente Giuseppe Torchio presidente@provincia.cremona.it Direzione Generale Sanità Servizio U.O.
Veterinaria Mario Astuti mario_astuti@regione.lombardia.it Asl Veterinaria Cremona vetcremona@aslcremona.it; Ufficio Diritti Animali Cremona Enrica Boiocchi dirittianimali@bairo.info Prefetto Cremona Tancredi Bruno di Clarafond prefettura.cremona@interno.it Questore Cremona Massimo Francesco Castore urp.cr@poliziadistato.it Chiliamacisegua e Associazione Canili Lazio onlus appoggiano incondizionatamente la Campagna di Civiltà e Legalità promossa dall’ Associazione Lega Nazionale Difesa del Cane, volta a snidare, stanare, denunciare gli illeciti gravissimi e penalmente perseguibili, svoltisi all’interno del Canile Comunale di Cremona.
Chiliamacisegua e Associazione Canili Lazio onlus rinfrescano la memoria al Sindaco Gian Carlo Corada , ricordandogli che l'On Francesca Martini, Sottosegretario di Stato al Welfare, chiede l' applicazione della Legge 281 del 1991 per la Tutela e il Benessere Animale, Legge che precisa che il Sindaco è il proprietario del cane accalappiato sul suo territorio ed è tenuto a garantirne il benessere anche qualora lo affidi ad un canile convenzionato, pena, in caso contrario la possibilità di ravvisare il reato di omissione di atti d'ufficio e l'imputabilità penale ed è inoltre responsabile delle misure prese o disattese, per combattere il fenomeno randagismo del suo territorio nonchè dell'impiego dei fondi erogati dallo Stato per porvi rimedio.
E che l’Art.
544ter del C.P della Legge  189 del 2004 , prevede sanzioni severissime pecuniarie e anche fino a tre anni di carcere per chi uccide animali d'affezione (cani e gatti).
Sotto gli occhi di tutti si è reiterato un orrore che fa ripiombare Cremona nella inciviltà e nella barbarie.
Altro che Turun, Terass, Tettass! Il motto identificativo di Cremona ora è Tortura, Tanax, Terrore.
Inciso come marchio, nella carne di 6000 chili di cane smaltiti in 5 mesi, impunemente, sotto il naso del Sindaco, delle [...]

Leggi tutto l'articolo