CROCIATA DA LA SUA SULLA Ru486

  Cei: aborto è delitto ma aiutiamo donne in crisi Spettro della recessione frena troppe donne ad avere figli   Il segretario generale della Cei, monsignor  Mariano Crociata CORRELATI SPECIALE ROMA - L'aborto è un "delitto": è quanto ribadisce la Cei, Conferenza episcopale italiana, nel messaggio pubblicato oggi in vista della "Giornata della Vita", che sarà celebrata nelle parrocchie del Paese il prossimo 7 febbraio.
Tuttavia, si legge nel testo dei vescovi, propria la difficile situazione dovuta alla crisi "ci spinge a essere ancora più solidali con quelle madri che, spaventate dallo spettro della recessione economica, possono essere tentate di rinunciare o interrompere la gravidanza, e ci impegna a manifestare concretamente loro aiuto e vicinanza".
Il documento parla anche della crisi economica.
Di fronte alla ''drammaticita' '' della crisi finanziaria, i vescovi italiani tornano a denunciare ''quei meccanismi economici che, producendo poverta' e creando forti diseguaglianze sociali, feriscono e offendono la vita colpendo sopratutto i piu' deboli e indifesi''.
I vescovi, pur ribadendo che il benessere economico deve essere al servizio della vita e non è la vita stessa, sottolineano "tutta la drammaticità della crisi finanziaria che ha investito molte aree del pianeta".
"La povertà e la mancanza del lavoro che ne derivano possono avere effetti disumanizzanti.
La povertà, infatti, può abbrutire e l'assenza di un lavoro sicuro può far perdere fiducia in se stessi e nella propria dignità.
Si tratta, in ogni caso, di motivi di inquietudine per tante famiglie".
" Molti genitori - osservano - sono umiliati dall'impossibilità di provvedere, con il proprio lavoro, al benessere dei loro figli e molti giovani sono tentati di guardare al futuro con crescente rassegnazione e sfiducia".
MONS.CROCIATA, SI' OBIEZIONE COSCIENZA FARMACISTI "L'obiezione di coscienza è anche un diritto che deve essere riconosciuto ai farmacisti permettendo loro di non collaborare direttamente o indirettamente alla fornitura di prodotti che hanno per scopo scelte chiaramente immorali come l'aborto e l'eutanasia".
E' quanto ha affermato il segretario generale della Cei, Mons.
Mariano Crociata, intervenendo al convegno nazionale dell'Unione cattolica farmacisti italiana dal titolo "L'obiezione di coscienza del farmacista tra diritto e dovere".
''Il diritto-dovere all'obiezione di coscienza - ha aggiunto Mons.
Crociata nel suo intervento - non riguarda solo i farmacisti cattolici ma tutti perche' la questione della vita e della sua promozione [...]

Leggi tutto l'articolo