CUADRADO: "Se giochiamo come ieri sarà difficile frenare questa Juve.

 Abbiamo fatto una grandissima partita.
Giocheremo ogni partita come una finale.
Allegri mi ha detto..." © foto di Imago/Image Sport Juan Cuadrado ha parlato ai microfoni di Paolo Aghemo di Sky Sport.
Ecco l'intervista riportata da Tuttojuve.com:  "Abbiamo fatto una grandissima partita, da squadra.
Penso che quella sia stata la cosa più importante, siamo entrati in campo con la voglia di fare risultato e di giocare da squadra.
Quando la Juve gioca così è veramente una grandissima squadra".
C'era una voglia particolare, visto questo inizio di stagione? Prima della partita vi siete detti qualcosa? "Si ognuno di noi,nelle nostre teste è stato sempre così: vivere giorno per giorno.
Sapevamo che non abbiamo avuto l'inizio che volevamo e sapevamo che era una partita importantissima per la Champions e allora penso che questo ci abbia aiutato.
E ci abbia dato una carica in più, per fare risultato contro una grandissima squadra".
Finita la partita, la festa sotto la curva dei tifosi, che cosa vi siete detti al rientro negli spogliatoi? "Niente.
Il solito che dovevamo sempre credere in noi tessi e che siamo una squadra forte.
Ieri abbiamo fatto una grande prova e penso che se giochiamo così sarà difficile frenare questa Juve".
Vincevate 2-1, mancavano pochi minuti e c'è un'immagine: c'è il tuo sorriso e Allegri che ti richiama, ci racconti quei momenti? "Diciamo che era per la partita.
Il mister mi ha detto di andare più su, verso la bandierina e di far passare un po' di tempo, perché era già quasi finito.
Solo questo.
È stato anche bello perché mi ha dato la carica, si vedeva la voglia di fare risultato".
La prossima volta lo farai? "Eh certo".
Hai conquistato il rigore contro il Chievo e in particolare contro il Chievo sei entrato molto bene.
Ieri sei stato uno dei migliori e hai fatto anche fatto una partita di sacrificio, tornando e coprendo.
Possiamo dire che sei in un buon, se non ottimo momento di forma? "Si, nel momento in cui sono arrivato qua ho cominciato a lavorare bene.
E anche fisicamente ho lavorato benissimo.e ieri, per come giocavano loro, sapevamo che dovevamo correre ancora di più, perché era una partita di molto sacrificio.
E abbiamo fatto quello che ci ha chiesto il mister, di coprire e di essere ben messi in campo.
E penso che giorno per giorno, lavorando sempre, dando il meglio e spero di continuare ancora".
Come si porta quella Juventus europea in Italia? Perché adesso arriva il Genoa, anzi andate a Marassi contro il Genoa, possiamo dire che la Juve è tornata anche in Italia [...]

Leggi tutto l'articolo