CULTURA E' LIBERTA'

Confrontandoci vivacemente tra persone letterate e studiose è emerso con forza che è meglio languire in libertà piuttosto che accodarsi ai politici insipienti  che si prendono la scena, diventandone sudditi e tirapiedi.
Si corre il rischio di perdere la propria identità, per favorire un ossessivo consenso di massa, spianare la strada a stupide passerelle e a stolidi blla bla.
Ciò significa che l'uomo, e la donna, di cultura devono accettare il ridimensionamento, e  perfino il sacrificio economico, per non prostituirsi agli odierni analfabeti mammasantissima.
Come è capitato a me che ingenuamente ho consentito a qualcuno di inzupparsi il biscotto, e di farsi propaganda immeritata a mie spese.
Ciò nonostante ho conservato la dignità grintosa e il diritto di sciacquarmi la bocca e di parlare e vivere come insegna Antonio Galateo : >(vivo liberamente e più liberamente parlo).
Ed inoltre di ricordarmi sem pre galateanamente che

Leggi tutto l'articolo