Calabria - Elezioni regionali.

Com’è noto prima o poi, anche se questi partiti cercano di tirare a campare, i cittadini calabresi saranno chiamati a votare per un nuovo governo regionale.
Ѐ anche ampiamente noto, a nostro parere, che ai calabresi non interessa nulla o poco delle primarie di questi partiti e dei suoi rappresentati alla ricerca affannosa di un posto di governatore.
La vera questione è un’altra.
Ai cittadini calabresi, dopo decenni di cattiva amministrazione, interessa la soluzione dei tantissimi guai che si sono venuti a creare.
E sono guai seri: la sanità, prima di tutto.
In questa nostra Calabria ormai non sono garantiti i lea, livelli essenziali di assistenza, specialmente nei comuni dell’entroterra, violando il diritto costituzionale alla salute; non è più garantita un’adeguata raccolta dei rifiuti, per non parlare dell’avvio di una raccolta differenziata dei rifiuti virtuosa; non è minimamente garantito il diritto al lavoro, soprattutto per i giovani, ma figuriamoci per chi ha perso il lavoro; le piccole medie imprese stanno sparendo e fra poco non sarà garantito nemmeno il trasporto pubblico.
Insomma una catastrofe.
E i partiti cosa fanno? Niente! Né un minimo di preoccupazione per come i calabresi vorrebbero questa nostra Calabria.
Né uno straccio di programma per l’ambiente, il lavoro, l’agricoltura, il turismo, la cultura e chi più ne ha più ne metta.
Ma è anche ovvio che chi ha creato tutta questa serie di guai non certo potrà essere capace di risolverli.
La vecchia politica è troppo impegnata a discutere di primarie, poltrone, candidature, presidenze e prebende varie per gli amici degli amici, cose che gli riescono con molta facilità.
Infine va detto che l’unica forza politica che ha un programma serio e realizzabile è il MoVimento 5 Stelle.
Un programma dei cittadini e per i cittadini.
Un programma per il bene comune e per risollevare questa nostra terra ormai diventata il fanalino di coda, sotto ogni aspetto, dell’Europa intera.
Qui di seguito alcuni punti chiave e linee guida del programma del MoVimento 5 Stelle, sia per la regione che per i comuni e le città metropolitane, che potrebbero iniziare a invertire il trend negativo per quanto riguarda il lavoro e l’occupazione: 1.
Acqua.
Garanzia della proprietà pubblica della gestione del sistema idrico integrato e sua trasformazione in società di diritto pubblico, in applicazione dei referendum del 2011.
 2.
Rifiuti.
Opposizione agli inceneritori e promozione invece della raccolta differenziata porta a porta in modo spinto, del [...]

Leggi tutto l'articolo