Calo di reati nel chietino, ma la mafia è in agguato

08/01/2009 10:52 Troppi gli ''spazi liberi'' nel Vastese  Calo di reati nel chietino, ma la mafia è in agguato E' diminuito del 10% il numero dei reati registrati nel Chietino.
Ad affermarlo i dati diffusi nel corso della conferenza stampa tenuta ieri dal prefetto locale Vincenzo Greco, che assieme ai procuratori della Repubblica di Chieti, Ermanno Venanzi, e di Vasto, Francesco Prete,e ai responsabili provinciali di polizia, carabinieri, guardia di finanza e forestale, ha illustrato l'andamento generale degli atti criminosi avvenuti nella Provincia tra il 2007 e il 2008, scesi a quota 12.56 dai 13.376 casi rilevati in precedenza.
A spiccare positivamente tra i numeri commentati durante l'incontro la totale assenza di omicidi volontari e il sensibile calo dei reati di associazione a delinquere, diminuiti del 75%.
In netto miglioramento anche la situazione relativa alle estorsioni e alle truffe(-30%), alle rapine(-21,6%),allo spaccio di stupefacenti (-18%),e ai furti(-13,8%), mentre nessuno caso di associazione a delinquere di stampo mafioso è stato registrato nel corso del 2008.
"Questa e' una zona abbastanza tranquilla - ha riferito Venanzi in relazione alla dimensione chietina - però non possiamo stare con le mani in mano.
Ci sono fenomeni che fanno ritenere che gruppi criminali di altre regioni stiano cercando di introdursi".
In riferimento alle criticità evidenziate dal tessuto sociale della Provincia, il Procuratore ha espresso la necessità di un maggiore controllo del territorio, specialmente delle zone circostanti i collegamenti autostradali, e dell'area costituita da Chieti Scalo, San Giovanni Teatino e Francavilla al Mare "fino alle porte di Ortona".
Nel corso del suo intervento Venanzi ha infatti evidenziato la necessità di rispondere con maggiore efficacia a certa tipologia di atto criminoso, come ad esempio quella riscontrata nel recente assalto al portavalori, un fenomeno caratterizzato dalla presenza di componenti criminali di una certa gravità.
Il Procuratore ha infine ricordato la situazione di Francavilla, da 30 anni in attesa di una propria Tenenza dei Carabinieri.
Una Provincia complessivamente sicura dunque, dove collaborazione e solerzia del cittadino contribuiscono alla prontezza delle già efficaci ed efficienti forze dell'ordine locali.
Affinchè le cose continuino ad evolversi positivamente tuttavia, è bene accendere i riflettori sulle zone oscure, dove le falle del sistema si aprono davanti all'occhio scaltro delle associazioni mafiose, appostate oltre i confini della Regione e pronte a [...]

Leggi tutto l'articolo