Canzoni Politiche Italiane Contessa (Pietrangeli) testo e video

Dopo aver pubblicato molte canzoni politiche italiane e straniere, di oggi e di ieri, in vista delle imminenti elezioni politiche del 2013 vogliamo pubblicare questa gran bella canzone folk italiana di Pietrangeli, una canzone pubblicata nel 1966, che trovò nel 1968 una grandissima popolarità.La canzone sembra fatta apposta per essere cantata da un corteo di manifestanti (ed é proprio così che venne utilizzata per anni), ma non ci risulta che - Mai -, nessuno schieramento politico la prese come proprio inno, forse perchè troppo estremista, e forse perchè incitava alla violenza, alla rivoluzione di fatto, non solo di parole.I Modena City Ramblers negli anni '90 ne fecero una nuova versione, ma Noi preferiamo di gran lunga questa: Sopra: l'audio con video di Contessa di Paolo Pietrangeli:Testo:“Che roba contessa, all’industria di Aldohan fatto uno sciopero quei quattro ignoranti;volevano avere i salari aumentati,gridavano, pensi, di esser sfruttati.E quando è arrivata la poliziaquei pazzi straccioni han gridato più forte,di sangue han sporcato il cortile e le porte,chissa quanto tempo ci vorrà per pulire…”.Compagni, dai campi e dalle officineprendete la falce, portate il martello,scendete giù in piazza, picchiate con quello,scendete giù in piazza, affossate il sistema.Voi gente per bene che pace cercate,la pace per far quello che voi volete,ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra,vogliamo vedervi finir sotto terra,ma se questo è il prezzo lo abbiamo pagato,nessuno piu al mondo dev’essere sfruttato.“Sapesse, mia cara che cosa mi ha dettoun caro parente, dell’occupazioneche quella gentaglia rinchiusa lì dentrodi libero amore facea professione…Del resto, mia cara, di che si stupisce?anche l’operaio vuole il figlio dottoree pensi che ambiente che può venir fuori:non c’è più morale, contessa…”Se il vento fischiava ora fischia più forte le idee di rivolta non sono mai morte se c'è chi lo afferma non state a sentire è uno che vuole soltanto tradire se c'è chi lo afferma sputategli addosso la bandiera rossa gettato ha in un fosso. Voi gente per bene che pace cercate la pace per far quello che voi volete ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra vogliamo vedervi finir sotto terra ma se questo è il prezzo l'abbiamo pagato nessuno più al mondo deve essere sfruttato. Ma se questo è il prezzo l'abbiamo pagato nessuno più al mondo deve essere sfruttato.Traduzione in Francese: "COMTESSE":Quelle affaire Comtesse ! Dans l'entreprise d'AldoIls ont fait grève ces quatre [...]

Leggi tutto l'articolo