Cappuccetto rosso secondo Propp

Struttura della fiaba di Cappuccetto Rosso comune alle due versioni, di Perrault e di Grimm di Livia Bidoli Questa che segue rappresenta la struttura funzionale della fiaba secondo Vladimir Ja.
Propp in Morfologia della fiaba.
Le radici storiche dei racconti magia (Newton Compton, Roma, 2003), in particolare le funzioni dei personaggi che sono quelli che ci interessano.
Ho indicato tra parentesi tonde le pagine di riferimento, e tra parentesi quadre le mie indicazioni suppletive per identificare più agevolmente i passi pertinenti a Cappuccetto Rosso.
«La fiaba inizia di solito da una certa situazione di partenza.
Vengono elencati i membri della famiglia oppure il futuro eroe [Capuccetto Rosso] viene introdotto indicandone semplicemente il nome o ricordandone la condizione.
Definiamo questo elemento situazione iniziale.
[…] Alla situazione iniziale seguono le funzioni: I..
Uno dei membri della famiglia si allontana da casa [Cappuccetto Rosso] (31).
Forme abituali di allontanamento: al lavoro, nel bosco, per commerciare, per la guerra, per «affari».
[…] Talvolta si allontanano persone della generazione giovane.
Essi vanno in visita.  [Cappuccetto Rosso va dalla nonna] II.
All’eroe viene fatta una proibizione.
Una forma inversa di proibizione è l’ordine o la richiesta: portare la colazione in campagna […](32).
III.
La proibizione viene violata.
[…] Entra in scena ora nella fiaba un nuovo personaggio che può essere chiamato il cattivo .
Il suo ruolo è […] di infliggere un danno o di pregiudicare la situazione.
[…] IV.
Il cattivo tenta di eseguire una investigazione.
L’investigazione ha lo scopo di scoprire il luogo dove si trovano i fanciulli, gli oggetti preziosi od altro .
V.
Al cattivo vengono date notizie sulla vittima.
[Cappuccetto Rosso dice al lupo dove abita la nonna]  Il cattivo riceve una risposta diretta alle sue domande […] (33).
VI.
Il cattivo tenta di ingannare la sua vittima.
Il cattivo agisce con la persuasione.
[…] La vittima cade nel tranello e aiuta involontariamente il nemico.
[…] L’eroe sottostà a tutte le condizioni del cattivo .
Le proibizioni vengono sempre violate, le proposte insidiose, inversamente,  sono sempre accolte, ed eseguite (34).
VIII.
Il cattivo arreca un danno o una lesione ad uno dei membri della  famiglia.
[…] La partenza, la violazione della proibizione, la delazione, l’inganno andato a segno preparano questa funzione.
[…] Le prime sette possono perciò essere considerate funzioni preparatorie della fiaba mentre il danneggiamento [...]

Leggi tutto l'articolo