Carolina e l'incantesimo di quel papaverino rosso

di Piero Murineddu
Dalla foto iniziale, l'argomento l'avete già capito. Nei giorni scorsi mi è capitato di rileggere il bel ricordo infantile di Carolina Cutolo, nipote di mastro Fortunato, legato in modo particolare alla fonte sussinca. Per chi non lo conosce , ve lo riporto per intero
 

L’incantesimo della Billellera
di Carolina Cutolo


Non devo parlare. Posso dire di sì o di no con la testa. Se mi chiedono quanti anni ho posso ancora usare le dita. Se mi chiedono di chi sono figlia posso dire i cognomi dei miei nonni: Murino e Zentile, li ho sentiti pronunciare solo da sardi quindi la dizione giusta mi viene quasi naturale, non dovrei destare sospetti. Ma a volte non bastano neanche tutte queste cautele. Appena mi identificano come l’unica nipote femmina di mastro Fortunato è finita, e cominciano a farmi il verso, parlandomi con una cadenza romana improbabile, ma a loro tutto è concesso, giocano in casa. Io invece, che vengo qui tre mesi l’anno da quando sono nata, sono e sa...

Leggi tutto l'articolo