Caserta, non si ferma all'alt-e investe poliziotto sull'A1

NAPOLI (6 dicembre) - Deve la vita alla sua singolare prontezza di riflessi l'assistente capo della polizia stradale Domenico Secondulfo, investito ieri da una Lancia Thesys - con cinque uomini a bordo - alla quale aveva intimato l'alt.
L'episodio è accaduto poco dopo le 16 di ieri, alla barriera di Napoli Nord, sull'autostrada A1.
L'agente, immediatamente trasportato nell'ospedale di Caserta, è stato giudicato non gravi dai sanitari del nosocomio.
Intanto sono scattate le ricerche dell'autovettura e del suo conducente, che potrebbe essere accusato di tentato omicidio.
Secondo quanto riferisce una nota, le indagini portano a ritenere che il gruppo fosse armato e dedito alle rapine di autotreni in autostrada, attività che cresce con l'avvicinarsi delle festività natalizie.
Il dirigente del Compartimento Polizia Stradale per la Campania e Molise Giuseppe Salomone ha disposto un'intensificazione della vigilanza finalizzata a contrastare i reati predatori in autostrada.
I dispositivi in questione rientrano in una più ampia pianificazione dei controlli delle aree di servizio e contrasto alla vendita ambulante di oggetti ai caselli.

Leggi tutto l'articolo