Caso Christian Coleman: diamo una rapida occhiata al protocollo "Whereabouts"

La bomba mediatica lanciata  dal MailOnline britannico secondo cui la star dello sprint statunitense Christian Coleman  potrebbe essere soggetto a sanzioni per la mancanza di tre segnalazioni sui luoghi di permanenza, ci ricorda che essere un atleta professionista, specialmente negli sport olimpici, è molto più che allenarsi, viaggiare e gareggiare.
Riguarda anche i test antidoping.
Quindi che cos'è "Whereabouts"? Ecco la spiegazione dell 'agenzia antidoping statunitense:
“Una parte importante del programma di test USADA è la capacità di testare gli atleti senza preavviso in un ambiente fuori competizione. ...
"Gli atleti sono soggetti a test 365 giorni all'anno e non hanno periodi" fuori stagione "o periodi di interruzione in cui non si verificano test. Le informazioni sui luoghi di permanenza, (date, orari, luoghi, ecc.) Sono le informazioni inviate a USADA da un atleta che consente allo stesso di essere localizzato per prove fuori competizione. "
Coleman, come atleta d'élite...

Leggi tutto l'articolo