Cass. 22551 del 2006 -La lunga durata del demansionamento costituisce prova presuntiva

La lunga durata del demansionamento costituisce prova presuntiva del danno professionale
 
Cass., sez. lav.,  20 ottobre 2006 n. 22551 – Pres. Est. Lupi  Rel. Balletti – P.M. Sepe (conf.) –  Cutaia A., Romito D. (avv. Cipriani, Crugnola, Imberti) c. Telecom Italia SpA (avv. Maresca, Tosi).
 
Demansionamento di durata pressoché triennale – La lunga durata costituisce prova presuntiva di danno alla professionalità (attitudine al disimpegno di mansioni più qualificate, perdita di valore sul mercato del lavoro) - In conformità all’orientamento di Cass. SU n. 6572/2006.
 
La Corte d’Appello ha accertato per le ricorrenti che la dequalificazione protratta per circa tre anni implicava una perdita di professionalità che si risolveva in un danno patrimoniale derivante dalla conseguente perdita di valore sul mercato del lavoro.
La logicità di questo accertamento di fatto – conforme alle statuizioni di Cass. sez. un. n. 6752 che conferisce ai fini della prova del danno da demansionamento precipuo...

Leggi tutto l'articolo