Castiglioncello (LI): XV Inequilibrio

Dal 29 giugno all’8 luglio 2012 la XV edizione di Inequilibrio, festival dedicato alla nuova scena tra teatro e danza, animerà la tensostruttura, le sale e il parco del Castello Pasquini di Castiglioncello, le pinete e le piazze di Rosignano Solvay, il Teatro Ordigno e l’ex Centro Nautico di Vada e il Centro Artistico Il Grattacielo di Livorno.
Un’edizione, questa diretta per la seconda volta da Andrea Nanni, che vede Armunia coprodurre 10 spettacoli – di teatro, di danza e tra teatro e danza – e ospitarne altri 24, con 2 presenze internazionali provenienti da Spagna e Svezia e 5 eventi site specific, per un totale di 34 spettacoli, 12 dei quali in prima nazionale.
Martedì 3 luglio Inequilibrio ospita un evento particolare, alle 17, alla Limonaia nel parco del castello, che inaugura l’attività 2012 del Teatro Laboratorio Toscana, il corso di specializzazione biennale per attori diretto da Federico Tiezzi in programma a Castiglioncello dal 17 settembre al 28 ottobre in collaborazione con Armunia.
In una conversazione condotta da Gianfranco Capitta, due grandi interpreti, autrici-attrici satiriche, raccontano la loro esperienza e riflettono sulla formazione dei giovani attori.
A collegare le tante proposte di Inequilibrio, diverse per linguaggio e per genere – perché “i generi sono i mariti delle figlie”, come diceva Totò – è la capacità di aprirsi alla realtà, di distillarla per generare bellezza, nutrimento sempre più necessario in questi tempi sempre più difficili.
Per questo abbiamo inseguito un teatro disposto a mettere da parte il virtuosismo per interagire con bambini, anziani, diversamente abili, adolescenti di una casa famiglia e perfino giardinieri che sanno parlare con le fate.
Così, su un palcoscenico o in un boschetto o nelle stanze di una villa di campagna, prenderanno forma i risultati delle residenze artistiche che Armunia ospita a Castello Pasquini per tutto l’anno in un rapporto col territorio che durante Inequilibrio trova visibilità nazionale e internazionale.
E, dopo il successo della scorsa edizione, torna la sezione del festival dedicata ai bambini (questa volta intesi come spettatori) con gruppi di ricerca di diverse generazioni pronti a proporre spettacoli su ruote e giochi interattivi.
Anche quest’anno cerchiamo di dare spazio a un teatro che – al di là delle differenze stilistiche messe in campo – sappia guardare lontano, come suggerisce il disegno di Gipi che dall’anno scorso accompagna Inequilibrio.
Il programma su www.armunia.eu    

Leggi tutto l'articolo