Castrazione e sterilizzazione

Tutti conosciamo la pratica della castrazione e della sterilizzazione (operazioni chirurgiche attraverso i quali vengono rimossi i testicoli nei maschi e ovaie e, talvolta anche l'utero, nelle femmine) che dilaga sempre più nelle pratiche di routine dei veterinari.
Quante volte si è sentito dire di optare per questa scelta al fine di far calmare un cane? Quanti maschi vengono castrati perché durante le passeggiate orinano troppo e quante femmine sterilizzate per risolversi l'incombenza di quelle fastidiose macchie mestruali in giro per casa? Io stesso anni fa consigliavo caldamente queste pratiche spinto da un pensiero di fondo buono ma ingenuo: “se non sono destinati ad accoppiarsi meglio togliere la fonte del desiderio”, specialmente nei maschi vedevo molto utile la castrazione per far sì che non soffrissero nel sentire una spinta sessuale che non avrebbero mai soddisfatto...
non c'è nulla di più sbagliato.
Noi esseri umani, intellettuali di natura ed intelligenti per definizione, talvolta non ci rendiamo conto di fare ragionamenti errati e che puntano esclusivamente a favorire i nostri interessi.
Facciamo un attimo un esempio in umana, è risaputo che gli ormoni in età adolescenziale favoriscono la crescita, i maschietti si irrobustiscono, si impelosiscono e cambiano addirittura voce; le femminucce sviluppano un corpo più sinuoso e qualcuna, non tutte, seno e fianchi prosperosi.
E a livello emotivo? Quanti uomini possono confermare di aver superato, o quantomeno affrontato, momenti di forte imbarazzo, timidezza, paura ecc, solo perché spinti dall'ormone? La classica situazione in cui si dice che noi maschietti ragioniamo con le parti basse e se è vero che non tutto il male vien per nuocere abbiamo sicuramente tratto degli insegnamenti da questi momenti.
Io stesso, per esempio, ricordo perfettamente quando all'età di 13 anni affrontai il mio più acerrimo nemico, motivo anche di grande timore per me, solo per far colpo su una ragazza.
Dal quel momento da ragazzino timido ed insicuro imparai che potevo anche tener testa a chi mi faceva paura.
E' un esempio sciocco se vogliamo ma serve a rendere l'idea di quante nostre azioni, specialmente nel momento della crescita ma non solo, siano il frutto di un lavoro ormonale.
E le donne possono sicuramente testimoniare quanto detto per gli uomini in versione femminile per non parlare degli sbalzi di umore, il nervosismo ed il malessere generale che ne consegue il periodo del ciclo, oppure quali meccanismi chimici ed emotivi avvengano nelle donne in menopausa.
Torniamo [...]

Leggi tutto l'articolo